Ieri sera al teatro Mattarello di Arzignano abbiamo partecipato a un “pop-filò’” da non dimenticare, realizzato dai bambini delle classi terze della scuola primaria San Bortolo del Secondo Istituto Comprensivo di Arzignano. Il linguaggio del corpo e del teatro  hanno dato voce tanto alle memorie del passato quanto alle energie e ai bisogni del futuro attraverso codici espressivi e comunicativi di entrambe le generazioni, per veicolare valori comuni.
Lo spettacolo concludeva un progetto di educazione al linguaggio teatrale condotto dall’”Educattore” Bruno Scorsone e delle Insegnanti Barbara Bevilacqua e Giorgia Fochesato. Tale percorso  si colloca a sua volta nell’ambito del progetto “3T-TessereTantiTesti” e wiki 3T-TessereTantiTesti , per la formazione di giovani capaci di comunicare e vivere la propria cittadinanza attiva mentre apprendono. Si  collega d’altra parte ad un altro importante progetto: “Web2genarazioni.0″, basato sul principio dell’insegnamento reciproco e della comunicazione tra nonni e bambini, i primi raccontando le tradizioni e gli insegnamenti del passato, i secondi accompagnandoli nell’uso delle nuove tecnologie e creando, attraverso queste, i podcast per documentare le narrazioni nel sito dei file audio degli alunni delle Scuole Primarie di San Bortolo e di Tezze di Arzignano (VI).

Commenti non permessi